minerali

Contaminazione da alluminio

Lo sapevi che sei contaminato dall’alluminio?

Se sei un grande consumatrice di yogurt sicuramente non sai resistere al coperchio di alluminio che sigilla il vasetto…

L’abrasione della lingua sul sigillo di alluminio fà si che con il passare del tempo sarai contaminata/o dall’alluminio con conseguente alterazione dei processi metabolici e ormonali…

Attualmente le donne hanno i più alti livelli di alluminio nell’organismo…

Al giorno d’oggi l’80% delle persone scopre di essere intossicato dall’alluminio, l’alluminio viene usato ormai dappertutto..

Alluminio degli alimenti

Se sei curioso di scoprire dove si trova l’alluminio puoi cercare online, ma è molto semplice, tutto quello che è conservato da quel materiale argento come lattine, confezioni di biscotti, brick di succo di frutta, medicinali…insomma è ovunque!!!

La contaminazione da mercurio colpisce l'80% della popolazione mondiale, l'avvelenamento da alluminio si può evitare ed eliminare la sostanza dall'organismo è semplice.

contaminazione da alluminio, alluminio avvelenamento, eliminare alluminio

Alluminio avvelenamento

Lo sapevi che l’acqua che esce dal rubinetto è piena di alluminio perchè viene aggiunto questo minerale come agente flocculante che serve a rimuovere le impurità?

L’avvelenamento da Alluminio colpisce tutti…

Per determinare livelli di alluminio pericolosi nell’organismo bisogna fare il mineralogramma del capello, l’alluminio assorbito per via orale si accumula nel cervello e in altri organi, in particolare nei reni, nei polmoni, nella tiroide, nel fegato, nelle ossa e nell’intestino.

Eliminare l’alluminio dal corpo

Una volta eliminati i cibi contaminati, eliminare l’alluminio da corpo è semplice…
- Vitamina C con bioflavonoidi, almeno 3-4 grammi al giorno
- Ferro ottenuto da vegetali e frutta, meglio se completato con vitamine del gruppo B (clicca qui per acquistarlo)
- 1 fiala di oligoelemento Fluoro due volte la settimana, a digiuno 20 minuti prima della colazione. (lo trovi in farmacia)
- Calcio e Magnesio preferibilmente in polvere. (clicca per acquistarlo) Non deve rimanere in sospensione e per avere la conferma bisogna lasciare un cucchiaino per una notte in un bicchiere di acqua: se si dissolve completamente va bene, vuoldire che verrà assimilato dal tuo organismo…

Un ottimo integratore capace di chelare i metalli pesanti è AR-CHELA (clicca qui per acquistarlo)

Intossicazione alluminio sintomi

Gli effetti da intossicazione da Alluminio sono :

Disturbi nell’apprendimento (soprattutto nei bambini), confusione, disorientamento, perdita della memoria, coliche intestinali, bruciori di stomaco e coliti, mal di testa, repulsione per la carne, anemia, carie, ipoparatiroidismo, disfunzioni renali, disfunzioni del fegato, osteomalacia, aggravamento morbo di parkinson e tanti altri sintomi di cui ancora non si conosce la causa..

{ 0 commenti }

A cosa serve un integratore multivitaminico con azione antiossidante?

Antiossidanti cosa sono? Antiossidanti radicali liberi, Omega 3, Antiossidanti naturali

Integrazione alimentare ovviamente dovrebbe essere personalizzata, di integratori alimentari antiossidanti radicali liberi ce ne sono tanti e voglio consigliarti oggi con questo articolo il migliore…

Come base è utile usare integratori multivitaminici e multi minerali a basso dosaggio.

In questo blog come in tutti gli altri di mia proprietà voglio convincere i più scettici che l’utilizzo di integratori alimentari quando è necessario risulta molto efficacie.

Come l’omega 3 anche gli antiossidanti radicali liberi hanno avuto la loro conferma in campo scentifico e medico, l’utilizzo di un multivitaminico e multi minerale e in particolare di un integratore con azione specifica antiossidante è in grado di abbassare per esempio il rischio di malattie cardiovascolari.

Antiossidanti cosa sono, antiossidanti radicali liberi

Cosa sono gli antiossidanti radicali liberi? In questo articolo te lo spiego e ti illustro il migliore.

Ovviamente quando si tratta di un’integrazione più specifica ad alti dosaggi deve essere senza dubbio personalizzata.

Il Migliore Multivitaminico per il bodybuilding con azione antiossidante, con fermenti lattici e fosfocreatina CLICCA QUI

Al giorno d’oggi siamo stati molto sensibilizzati sul discorso dei radicali liberi che sono quelle molecole che aggrediscono le nostre cellule e ne causano dei processi di degenerazione di invecchiamento e possono essere anche la base di una crescita tumorale.

Molte vitamine e minerali sono dotate essi stessi di un effetto antiossidante ovvero contrastano e combattono i radicali liberi. Ma esistono altre sostanze fondamentalmente sono dei fito nutrienti cio’è presenti soprattutto nel mondo vegetale che non appartengono alla categoria delle vitamine e dei minerali ma che sono dotati di un potentissimo effetto antiossidante.

Sicuramente nella formulazione di un multivitaminico e multiminerali preferirei trovare questi fito nutrienti che hanno dimostrato avere le caratteristiche fisiologiche migliori per prevenire le malattie e per favorrire lo stato di salute come resveratrolo, quercitina, licopene e tante altre sostanze che al giorno d’oggi l’uso di sostanze antiossidanti è fondamentele per un uso antiaging e per prevenire le malattie degenerative

Sulla base di ciò che ho scritto ti consiglio il Migliore Antiossidante Naturale più Potente (clicca qui)

{ 0 commenti }

I sali minerali svolgono un ruolo importante in tutte le funzioni dell’organismo.

Devono essere assunti tutti i giorni, meglio con il cibo, per coprire il fabbisogno giornaliero dell’organismo; potassio e magnesio sono tra i minerali più richiesti.

Il potassio è il minerale più diffuso sia dentro che fuori la cellula, ha funzioni nella contrazione muscolare, nel trasporto dei fluidi e nel rilascio ormonale.

È attivo nel mantenimento della pressione sanguigna.

Il magnesio ha funzioni nello sviluppo scheletrico, nella corretta funzionalità delle cellule muscolari, del cervello e del cuore; inoltre ha un ruolo nelle reazioni enizmatiche nello sviluppo di energia e cellulare.

Quali sono i sintomi di mancanza di potassio e magnesio?

· Stanchezza

· Muscoli deboli

· Crampi

Perché si ha una mancanza di potassio e magnesio?

· Eccessiva sudorazione

· Intensa attività fisica

· Carente apporto nella dieta

· Carente assorbimento a causa di una dieta ricca di fibre

· Aumentato fabbisogno

Le vitamine B sono essenziali per la crescita, lo sviluppo, e una varietà di tante altre funzioni corporee.

Giocano un  ruolo molto importante nelle attività degli enzimi, proteine che regolano le reazioni chimiche all’interno del corpo, che sono importanti nel trasformare il cibo in energia e in altre sostanze necessarie.

Le vitamine B si trovano nelle piane e in altre fonti di cibo animale.

 

Alimentazione ed integrazione possono coprire il fabbisogno giornaliero e prevenire la mancanza di potassio e magnesio mantenendo così l’organismo in buona salute.

{ 0 commenti }

Innalzare il PH, ritardare l’invecchiamento e bloccare la perdita dei capelli con i minerali alcalinizzanti

Le sostanze minerali sono i garanti della nostra salute e della nostra bellezza, queste ultime fioriscono e durano fino  a che i depositi di minerali della pelle, dei capelli,delle unghie, del sangue e delle ossa sono pieni.

Il nostro sangue ha la necessità di mantenere entro certi limiti il ph ad un valore di 7,45
Il ph è un valore che riflette il grado di acidità o basicità di una sostanza, sia essa solida che liquida.

La scala del ph varia da 0 a 14 con il valore 7 che rappresenta la neutralità, invece mano a mano che si scende sotto questo valore la soluzione è sempre più acida mentre al di sopra è sempre più alcalina.

In teoria ogni volta che ingeriamo un alimento sia esso acido che alcalino il nostro organismo reagisce a livello chimico per ristabilire il valore del ph nel sangue e in altri organi del nostro corpo.

Il vero problema è che questi valori sono stati settati durante milioni di anni di evoluzione in cui i nostri progenitori mangiavano una grande quantità di frutta e verdura che essendo alcalina di gran lunga riusciva a compensare la componente acida che derivava da carne e pesce.

 

 

Al giorno d’oggi purtroppo lo stile di vita non ci permette di mangiare grosse quantità né di frutta né di verdura , ci nutriamo sempre meno di questi alimenti, dando spazio a cibi pronti, elaborati e surgelati

Un esempio lampante può essere il pranzo di un italiano che trascorre la giornata fuori casa mangiando un panino oppure un piatto di pasta o un trancio di pizza con una bibita (coca cola, aranciata, birra) esclusivamente e potenzialmente acidi.

Questi acidi derivanti dall’alimentazione diventano molto pericolosi per il nostro organismo, infatti, colpiti da acidità, sono coloro che praticano sport come jogging, bodybuilding, ciclismo maratone e calcio.

Molti sportivi non risplendono solo nelle loro prestazioni fisiche, ma, per cosi dire, anche nelle loro fronti stempiate.

A causa dell’intensa attività fisica si ha un’iperproduzione di acido lattico il quale per essere neutralizzato necessita di sostanze minerali e se queste non vengono assunte dall’alimentazione o integrazione il corpo si rivolge in primis alle riserve situate nel cuoio capelluto.

Cosa fare per fermare la caduta?

Innanzitutto bisogna cercare di limitare o addirittura eliminare i produttori di acidi; caffè, dolciumi, troppa attività fisica, carne, pasta, riso e cercare di aumentare i cibi che apportano energia al corpo come le verdure, spezie, frutta e tutti gli alimenti che madre natura ci offre, prodotti senza modificazioni chimiche. Se si vuole agire riportando in vita i capelli perduti si possono osservare i seguenti consigli che la ricerca scientifica ha sperimentato.

  • Valutazione per capire da dove provengono gli acidi o i veleni responsabili della caduta dei capelli.
  • Evitare un ulteriore inacidimento o avvelenamento.
  • Neutralizzazione degli acidi e assoluta ricostituzione delle riserve di minerali.

 

 

Secondo le ricerche scientifiche sarebbero responsabili della caduta dei capelli i seguenti acidi: acido urico (prodotto della disgregazione delle proteine, sia di quelle del corpo sia di quelle assunte mediante l’alimentazione) acido lattico (prodotto dall’attività fisica troppo frequente)  acido acetico (prodotto tramite la metabolizzazione di dolciumi) acido tannico (prodotto tramite la metabolizzazione del caffè e tè nero)

Ci sono dei continui segnali d’allarme inequivocabili che il corpo invia quando sono presenti acidi, la cefalgia ad esempio è un segnale che indica come l’organismo stia dislocando sostanze acide e tossiche nel cuoio capelluto.

E’ dunque logico che numerosissime persone soffrano di mal di testa in quanto la cefalgia persiste finché gli acidi non vengono neutralizzati.

Quando la neutralizzazione è compiuta, il mal di testa è si scomparso, ma il cuoio capelluto ha perduto di nuovo sostanze minerali e può nutrire ancor meno capelli di prima cosi giorno dopo giorno settimana dopo settimana anno dopo anno si diradano i capelli di parecchi uomini e anche di donne in età avanzata

Per circa un anno ho notato come l’andamento del ph può variare durante il giorno in base allo stile di vita e all’alimentazione.

Grazie alla partecipazione dei miei atleti ho potuto condurre uno studio durato circa 6mesi.

Ho iniziato con la rilevazione del ph urinario tramite cartine al tornasole, le cartine al tornasole per chi non lo sapesse sono appunto cartine che servono a rilevare il grado di acidità o basicità dell’urina.

Eravamo in cinque ,ogni atleta aveva una dieta diversa per motivi lavorativi ma nel loro stile di vita quotidiano non mancavano mai i 3 macronutrienti, il ph veniva rilevato 5 volte al giorno, alla fine tutti i valori sono stati sommati e divisi per singola persona traendone un unico risultato in base alle ore della giornata.

Il risultato è stato il seguente: pH visualizzato durante i primi 3 mesi

Orario   ph

07:00   5,5

10.00   6,0

13.00   6,0

17.00   6,0 (prima dell’ allenamento 5,5) ( dopo l’allenamento 4,5)

20:00   5,5

Nel tardo pomeriggio quando era il momento di allenarsi ho rilevato con la cartina al tornasole il ph dopo aver effettuato lo squat a 20 ripetizioni,per via di una eccessiva produzione di acido lattico il ph è sceso drasticamente a4,5 depauperando anche in questo caso minerali alcalini dalle riserve del corpo per neutralizzare l’acido lattico(ecco la risposta alle sensazioni di vomito che alcuni avvertono dopo l’allenamento delle gambe)

Dopo svariati tentativi con la dieta mi sono accorto che il valore del ph non andava al di sopra del 6,0 quindi ho deciso di inserire nel contesto un multivitaminico ad altissimo dosaggio per 3 volte al giorno, invece per 2 volte al giorno mattina e seradelle tisane depurative, il riscontro è stato positivo.

PH visualizzato durante il giorno con multivitaminico e tisane nei successivi 3 mesi.

Orario   ph

07:00   6,5

10.00   6,5

13.00   6,0

17.00   6,5 (prima 6,0) ( dopo 5,5)

20:00   6,0

Cosa e’ successo?per la presenza di minerali alcalinizzanti il corpo durante l’allenamento si è trovato nella condizione di poter neutralizzare gli acidi e quindi non dover andare a smontare risorse preziose.

Una vittoria personale, oltre al miglioramento del ph è stata quella di aver innalzato il mio valore dell’emoglobina.

Essendo microcitemico non potevo donare sangue pertanto aumentando l’ossigenazione all’interno del corpo il valore dell’emoglobina con un risultato imbarazzante è aumentato. ”un vero dilemma per la medicina”

Tutti i miglioramenti riscontrati nel gruppo di studio sono stati i seguenti:

  • Miglioramento del ph da un minimo di 5 ad un massimo di 7
  • Miglioramento del valore dell’emoglobina da un minimo di 11,4 ad un massimo di 13,6
  • Arresto della caduta dei capelli con ricrescita nelle zone diradate e attaccate dagli acidi.
  • Miglioramento della qualità della pelle
  • Maggiore durata ed energia durante gli allenamenti
  • Miglioramento della qualità del sonno
  • Miglioramento della regolazione intestinale con diminuzione dei gonfiori addominali

Alcuni consigli pratici

La sera è molto importante assicurarsi un apporto di sostanze minerali per i processi metabolici e di neutralizzazione che avvengono durante la notte.

Chi pensa di non poter rinunciare alla sua tazzina di caffè giornaliera la beva dunque al mattino e si accontenti perché poi di regola la giornata porta abbastanza acidi. Per poter limitare gli acidi prodotti durante l’attività fisica si può optare ad un sistema di allenamento breve ma intenso ossia un sistema dove il volume sia medio basso e il tempo di allenamento non superi i 60 minuti ,guarda caso il sistema B.I.I.O. di Claudio Tozzi. Si deduce che la caduta dei capelli è imputabile nell’85% circa dei casi all’esaurimento delle sostanze minerali impiegate nella neutralizzazione degli acidi ragion per cui quando mangiate un alimento acido ricordate di assumere minerali alcalini affinché questo acido venga neutralizzato e il corpo non smonta risorse preziose atte alla nostravita,salute e bellezza.

La produzione di acido lattico nel bodybuilding causa un’ulteriore perdita di minerali oltreche a preziosa glutammina quindi superati i 40 anni di età gli allenamenti devono essere sempre più brevi per non acidificare il nostro sistema,anche gli alimenti molto acidi come i formaggie i cereali devono essere tenuti alla larga.

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Articolo scritto da Angelo Benedetto

Le informazioni contenute in questo articolo hanno fini puramente divulgativi e non intendono in alcun modo sostituire il parere dei professionisti del settore sanitario. Consultate il vostro medico prima di iniziare qualsiasi programma di esercizio o integrazione nutrizionale.
Tutti i diritti sono riservati.
E’ vietata la copia anche parziale senza il consenso scritto di Net-Integratori

{ 0 commenti }

I processi omeostatici (da omeostasi: condizione di stabilità interna di ciascun organismo, anche al variare delle condizioni esterne) dell’organismo hanno luogo solo se il pH è leggermente alcalino. A pH acido tali processi danno luogo ad accumulo di tossine con conseguente sintomatologia dolorosa ed affaticamento.

… Con l’allenamento il corpo produce acido lattico in maggiori quantità e ciò comporta un pH più acido; allo stesso modo se l’organismo, ancora prima di un allenamento, ha il pH acido, le prestazioni saranno ridotte e si avrà sensazione di stanchezza, spossatezza con possibile comparsa di crampi.

Tale sintomatologia può essere risolta con l’apporto di carbonati, bicarbonati e fosfati.
Con il termine alcalinizzante si intende quella sostanza in grado di tamponare le scorie acide che l’organismo produce. 

Con un integratore Alcalinizzante (e se siete interessati posso consigliarvene qualcuno), associato ad un’alimentazione bilanciata, permette il raggiungimento di importanti obiettivi, inoltre è utile in particolare nella prevenzione degli infortuni da over-training con acidosi da eccesso di acido lattico. Di conseguenza, anche l’alimentazione consigliata è a base di cibi, frutta e verdura, che possano favorire il processo di alcalinizzazione riducendo l’acidosi.

Alimenti acidificanti (+) mEq/100g

 

FARINACEI PRAL
Riso +12,5
Fiocchi d’avena +10,4
Spaghetti + 6,5
Pasta all’uovo + 6,4
Corn-flakes + 6,0
Pane + 4,0
CARNE E PESCE PRAL
Carne di manzo in scatola +13,2
Salame +11,6
Trota bollita +10,8
Bistecca di manzo + 8,8
Pollo + 8,7
Maiale magro + 7,9
Filetto di merluzzo + 7,1
Acciughe + 7,0
Salsicce + 6,7
PRODOTTI CASEARI-UOVA PRAL
Formaggio grana +34,2
Mozzarella +28,7
Pecorino +26,4
Emmental +19,2
Camembert +14,6
Formaggio molle giovane + 8,7
Uova di gallina + 8,2
Formaggio molle grasso + 4,3
Yogurt intero + 1,2
Latte intero pastorizzato + 0,7
Gelato alla vaniglia + 0,6

 

Alimenti alcalinizzanti (-) mEq/100g

 

VERDURE E LEGUMI PRAL
Spinaci -14,0
Sedano - 5,2
Carote fresche - 4,9
Zucchine - 4,6
Cavolfiore - 4,0
Patate - 4,0
Melanzane - 3,4
Piselli - 3,1
Lattuga - 2,5
Porri - 1,8
Cipolle - 1,5
Funghi - 1,4
Peperoni - 1,4
Broccoli - 1,2
Cetrioli - 0,8
Asparagi - 0,4
FRUTTA PRAL
Uva -21,0
Banane - 5,5
Albicocche - 4,8
Kiwi - 4,1
Ciliege - 3,6
Pere - 2,9
Arance - 2,7
Ananas - 2,7
Pesche - 2,4
Mele - 2,2
Fragole - 2,2
Marmellata di frutta - 1,5

 

La somma dei PRAL dei vari alimenti dà come risultato un pasto alcalinizzante o acidificante.

Es. RISO (+12,5) + BISTECCA DI MANZO (+8,8) + SPINACI (-14,0) = + 7,3: ACIDIFICANTE

{ 5 commenti }

Il legame tra l’alimentazione e lo sport è un legame fondamentale.

E’ dalla dieta che chi fà sport deve attingere i nutrienti fondamentali per preparare il corpo all’esercizio, sostenerlo  durante e nutrirlo alla fine. Gli allenamenti, le gare e, in generale, l’attività sportiva assidua rendono spesso insufficiente l’apporto nutrizionale della dieta ed è pertanto necessario integrarla per colmare le carenze che questa ha rispetto al fabbisogno.

L’INTEGRAZIONE, QUINDI, PUO’ AVERE PER OGGETTO DIVERSI NUTRIENTI:

__________________PARTE 1

I CARBOIDRATI : Costituiscono l’energia di cui ha bisogno chi svolge un’attività fisica. Risulta necessario integrare carboidrati negli sport che prevedono uno sforzo continuo e prolungato (ad esempio ciclismo e alpinismo).

I carboidrati sono la principale fonte d’energia utilizzata da nostro corpo…..[LEGGI L'ARTICOLO SUL NOSTRO BLOG]

__________________PARTE 2

Le vitamine e i minerali sono sostanze indispensabili ed insostituibili per la vita. Nel corpo umano agiscono a diversi livelli e con funzioni differenti. Non esiste reazione biochimica che possa svolgersi senza l’azione catalizzatrice di almeno una vitamina e/o minerale.


L’organismo umano non è in grado di produrre nè le vitamine nè tanto meno i minerali, da qui la definizione, per queste sostanze, di nutrienti “essenziali”. Vitamine e minerali devono essere assunti con la dieta o, quando questa risulta insufficiente, tramite un’opportuna integrazione alimentare. Il fabbisogno di vitamine e minerali aumenta in situazioni di stress sia fisico che mentale.

Un’attività fisica costante e protratta nel tempo o un periodo di particolare carico di lavoro, ad esempio, possono essere causa di un aumentato fabbisogno.

OMEGA 3  &  OMEGA 6

L’integrazione di omega-3 diventa indispensabile nella “dieta a zona” la quale prevede una serie di alimenti che contengono gli omega-6 ma non gli omega-3

Numerosi studi hanno dimostrato che gli omega-3 riducono il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione e artriti.

Gli acidi grassi essenziali sono sostanze indispensabili all’organismo che non è in grado di riprodurre. E’ solo attraverso la dieta, quindi, che si può rispondere al fabbisogno di tali sostanze. Gli acidi grassi essenziali appartengono a due serie :

OMEGA-3 e OMEGA-6

Nel corpo umano gli acidi grassi hanno una funzione plastica (fanno parte di tutte le membrane cellulari) e sono particolarmente abbondanti nel sistema nervoso dove tendono a diminuire con l’invecchiamento.

Una carenza di acidi grassi è di solito legata a diete ipolipidiche o ipocaloriche dove si tende a ridurre l’introito di grassi e, in questo caso, un’integrazione di acidi grassi è fondamentale per mantenere la piena funzionalità organica e, nello sport, evitare cali di performance.

L’integrazione di acidi grassi essenziali diventa fondamentale nel BodyBuildig dove la riduzione di grassi diventa estrema.

FERRO, ACIDO FOLICO E VITAMINA B12

Gli integratori di ferro si rendono quindi necessari quando l’apporto alimentare del minerale è ridotto, quando diminuisce la capacità dell’organismo di assorbirlo o quando aumentano le perdite. In ogni caso qualsiasi valutazione sulla loro utilità spetta esclusivamente al medico. Gli integratori liberamente acquistabili contengono dosaggi di ferro inferiori rispetto ai medicinali soggetti a prescrizione medica.

Spesso il minerale viene associato a vitamina C (per favorirne l’assorbimento), acido folico e vitamine B6 e B12 (per favorire la sintesi e la moltiplicazione dei globuli rossi).

CLA

Il C.L.A. + è un integratore di acidi grassi essenziali molto particolari che il nostro organismo non è in grado di produrre.

In ambito sportivo è soprattutto legato alle proprietà dei suoi componenti di “indicizzare” o “ripartire” i macronutrienti assunti in modo da favorire l’aumento di massa magra a scapito di quella grassa.

ANTIOSSIDANTI – ANTI RADICALI LIBERI

È noto che le persone che svolgono attività intense e stressanti, che sono esposte a lungo alla luce solare, che fumano, conducono una vita sregolata o si alimentano in modo non corretto, sono esposte ad uno stress ossidativo più intenso e come conseguenza generano un quantitativo superiore di radicali liberi. È altresì noto il danno cellulare che deriva dall’aggressione di radicali liberi ed i potenziali rischi per l’organismo. I radicali liberi sono molecole estremamente aggressive generate dalle reazioni chimiche che governano il nostro metabolismo. La quantità di radicali liberi prodotta è una conseguenza diretta anche dell’attività fisica e dell’intensità dello sforzo muscolare, ed in genere è proporzionale allo stress ossidativo. L’invecchiamento della pelle esposta al sole è un fenomeno noto ed è diretta conseguenza dell’esposizione alle radiazioni UVA – UVB, che inducono la formazione di radicali liberi e stress ossidativo.

I più importanti antiossidanti sono : Selenio, Zinco, Vitamina C, Vitamina E, Q10, Resveratrolo, ALA (acido alfa lipoico)

__________________PARTE 3

I SALI : Reintegrano le perdite di elettroliti (magnesio, potassio e sodio) legate alla profusa sudorazione legate a qualsiasi attività fisica aerobica e prolungata, in particolare in condizioni di caldo e di elevata umidità.

__________________PARTE 4

LE PROTEINE : Sono i nutrienti dei muscoli, servono per favorire la creazione di massa muscolare e per evitarne la disgregazione che consegue agli sforzi. Diventa importante integrare l’alimentazione di proteine quando si ha bisogno di sostenere l’azione dei muscoli per un’attività fisica intensa.

__________________PARTE 5

LE VITAMINE : Sono sostanze organiche presenti nella dieta che il nostro corpo non è in grado di produrre. Sono fondamentali per il funzionamento dell’organismo. Spesso, le diete non riescono a rispondere al fabbisogno di vitamine ed è indispensabile integrarle.

{ 1 commento }

Il magnesio a cosa serve ?

Una carenza di magnesio si ripercuote sulla conduzione nervosa con alterazioni nella funzionalità muscolare , crampi, insonnia aritmie, spasmi e perfino depressione .

 

 

Ecco alcuni funzioni del magnesio :

- Il magnesio è un minerale che regola, nella cellula, la permeabilità al sodio, potassio e calcio.

- Il magnesio è fondamentale per il metabolismo delle cellule in quanto svolge un ruolo chiave nella produzione di ATP.

- Il magnesio è indispensabile per la bio-sintesi, perchè contribuisce alla produzione delle proteine che sono poi trasformate in collagene.



Magnesio assunzione :

Dosi consigliate ( sono piccole quantità da assumere 3-6 volte nell’arco della giornata) con un bicchiere d’acqua preferibilmente tiepida.

Neonati da 0 a 6 mesi: 30 mg
Neonati da 6 mesi a 1 anno: 75 mg
Bambini  1-3 anni: 80 mg
Bambini  4-8 anni: 130 mg
Bambini 9-13 anni: 240 mg
Maschi adulti e adolescenti : 270-400 mg
Donne adulte e adolescenti : 280-300 mg
Donne in gravidanza: 320 mg
Donne che allattano : 340-355 mg

{ 0 commenti }

NOTIZIE UTILI.

Le vitamine sono sostanze organiche necessarie alla vita, sono indispensabili per tutte le funzioni vitali perchè regolano il metabolismo attraverso i sistemi enzimatici. La moderna alimentazione, fatta di cibi sempre più raffinati, ricchi di conservanti e quindi impoveriti, rende indispensabile il regolare utilizzo di integratori alimentari. Va ricordato, però, che le vitamine da sole non bastano, perchè senza l’aiuto dei sali minerali non possono essere assimilate. Perciò, per una integrazione più corretta ed efficace, è utile assumere composti che contengano i diversi nutrienti combinati in rapporto ottimale. Integrare la propria dieta con la regolare assunzione di vitamine e sali minerali è elemento fondamentale per il raggiungimento ed il mantenimento di un sano benessere psico-fisico.

LE VITAMINE.

VITAMINA A – BETACAROTENE. Si trova in natura sotto forma di Betacarotene (Provitamina A idrosolubile). A che serve? Mantiene la pelle levigata e sana, utile in caso di acne. Protegge i tessuti dell’organismo e le mucose della bocca, del naso, dell’apparato respiratorio e dei polmoni (utile, quindi, anche nei casi di ulcerazioni e di asma). Ritarda l’invecchiamento cutaneo precoce diminuendo i danni provocati dall’inquinamento atmosferico e alimentare. Favorisce la regolare crescita di ossa e denti e aiuta la vista. Protegge la pelle durante l’esposizione al sole, favorendo un’abbronzatura più profonda e duratura.

VITAMINE DEL GRUPPO B. Sono vitamine idrosolubili: ogni eccesso viene eliminato senza pericolo di accumulo. Il loro effetto è maggiore se vengono usate insieme. A che servono? Forniscono al corpo energia perchè trasformano i carboidrati in glucosio. Hanno effetto benefico sul sistema nervoso e sono, quindi, molto utili nei casidi sovraffaticamento psico-fisico-muscolare.

La VITAMINA B1 è chiamata anche vitamina “morale” o “vitamina della mente”.

La VITAMINA B2 mantiene sani pelle, unghie, e capelli e favorisce la crescita. Stimola le attività mentali favorendo l’afflusso di ossigeno al cervello. Aiuta l’eliminazione delle tossine, regola la pressione sanguigna e restituisce energia all’organismo.

La VITAMINA B3 o Niacina, utile al buon funzionamento dell’apparato digerente attenua i disturbi gastrointestinali come colite e gastrite; aiuta a ridurre il colesterolo e i trigliceridi con effetti benefici sull’arteriosclerosi.

La VITAMINA B5 stimola la produzione di anitcorpi, ritarda l’invecchiamento e la comparsa di rughe, previene la stanchezza convertendo il colesterolo nell’ormone anti-stress.

La VITAMINA B6 aiuta l’assimilazione di proteine e grassi, ha un leggero effetto diuretico ed è utile in certi casi di nevrite periferica.

La VITAMINA B8 o Biotina, combatte la caduta dei capelli contribuendo a normalizzare l’eccesso di sebo; stimola il sistema ghiandolare favorendo la crescita.

La VITAMINA B12 con l’Acido Folico favorisce l’assorbimento del Ferro; con la Vitamina B1 migliora concentrazione, memoria ed equilibrio psico-fisico.

La VITAMINA B15 è un efficace antiossidante cellulare; per il suo potere di ossigenazione delle cellule diventa utile nei casi di maggiore fabbisogno di energia e resistenza.

La COLINA,  agendo sinergicamente con l’Inositolo, favorisce la produzione diLecitina e riduce il colesterolo; utile alla memoria.

VITAMINA C. E’ la vitamina più nota, è idosolubile e deve essere ingerita perchè l’organismo non è in grado di produrla. A cosa serve? Mantiene la pelle più bella ed elastica stimolando la produzione di collagene e combattendo contro la formazione dei radicali liberi responsabili del prematuro invecchiamento delle cellule. Facilita la formazione di nuovo tessuto connettivo accelerando il processo di cicatrizzazione cutanea. Aiuta a prevenire le malattie da raffreddamento aumentando la difese immunitarie. Utile in caso di anemia perchè favorisce l’assimilazione del Ferro. E’ consigliata ai fumatori perchè ogni sigaretta ne distrugge da 25 a 100 mg.

VITAMINA D. Chiamata “vitamina del sole” poichè viene attivata durante l’esposizione ai raggi solari. A cosa serve? Facilita L’assorbimento di Calcio e Fosforo; utile alla prevenzione del rachitismo nei bambini favorendo la regolare crescita e la buona salute di ossa e denti. Con la vitamina A infine, è utile alla prevenzione degli eritemi solari.

VITAMINA E. E’ la vitamina della pelle. A cosa serve? Importante antiossidante aiuta la pelle a rimanere più giovane ritardandone il prematuro invecchiamento. Aumentando l’ossigeno nei muscoli e ritardando la produzione di acido lattico incrementa la resistenza fisica durante gli sforzi prolungati. Protegge le membrane di nervi e muscoli, favorisce la funzionalità cardiaca e cardiovascolare.

I SALI MINERALI.

CALCIO. E’ presente nell’organismo in quantità superiore a qualsiasi altro minerale. A cosa serve? Irrobustisce le ossa e i denti, previene e combatte l’osteoporosi. Importante per la salute del sistema nervoso, con il Magnesio aiuta nei problemi di insonnia. Assunto regolarmente aiuta a regolare il battito cardiaco.

FERRO. Fa parte dell’emoglobina, la molecola dei globuli rossi che trasporta l’ossigeno nei tessuti ed è un componente degli enzimi che intervengono nel metabolismo energetico. A cosa serve? E’ necessario alla formazione dei composti che utilizzano e trasportano ossigeno al sangue. La carenza di Ferro porta un’alterazione dei processi energetici, con sintomi di stanchezza generalizzata dovuta ad anemia. Si ha una migliore assimilazione in presenza di Acido Folico e vitamina B12.

MAGNESIO. Minerale necessario all’assorbimento di Calcio, Fosforo, Potassio e vitamina C. A cosa serve? Necessario alla crescita, alla contrattilità dei muscoli, alla sintesi proteica, al metabolismo dei grassi e alla produzione di energia a livello delle cellule. Con il Calcio è utile per i problemi relativi al sistema nervoso periferico, collegati anche a depressione ed insonnia. Il Sodio ne è antagonista.

POTASSIO. A cosa serve? Insieme al Sodio regola l’equilibrio idrico e normalizza la funzionalità cardiaco-mentale.

SELENIO. A cosa serve? Importante per prevenire l’invecchiamento della pelle e dell’organismo grazie alla sua azione antiossidante. Con la vitamina E aiuta a mantenere elastico il tessuto connettivo ed allevia le “vampate” della menopausa.

ZINCO. A cosa serve Necessario al buon funzionamento dei sistemi enzimatici e cellulari. Essenziale per la sintesi delle proteine; entra nel processo di formazione dell’insulina; associato al Ferro favorisce la formazione di globuli rossi; aiuta la cicatrizzazione delle lesioni interne ed esterne; aumenta le capacità mentali; favorisce la diminuzione dei depositi di colesterolo.

{ 1 commento }